Se hai bisogno di aiuto per un problema di gioco che riguarda te o una persona che conosci, chiama 1-800 GAMBLER

Premier League: Resoconto di fine anno. City rispetta le aspettative. Tottenham, la Champions è quasi un miracolo

28 maggio 2022 05:28:05 EST
Nella foto il tecnico del Manchester City Pep Guardiola.

Premier League: Resoconto di fine anno. City rispetta le aspettative. Tottenham, la Champions è quasi un miracolo

Terminato anche in Inghilterra, quello che si è dimostrato uno dei campionati più affascinanti e combattivi d'Europa, la Premier League che ha visto nell'ultima giornata utile, il Manchester City guidato dal tecnico Pep Guardiola, ottenere il titolo di campione d'Inghilterra.
Ma diamo uno sguardo a ciò che è successo un po' a tutti i club che parteciperanno alle coppe europee, chi ha entusiasmato, chi ha svolto il campionato che ci si aspettava, ed infine chi ha deluso.

Manchester City: Non si può non partire dalla squadra che ha conquistato il suo ottavo titolo di campione d’Inghilterra, per la precisione quattro negli ultimi cinque anni, come a dimostrare un certo dominio in questo campionato. Gli uomini di Pep Guardiola, hanno però scherzato con il fuoco, in quanto a metà stagione avevano un margine relativamente sicuro dal resto delle squadre. Forse questo fatto, li ha rilassati un po a livello mentale o hanno semplicemente attraversato un periodo di calo fisico, che li ha portati a rischiare fino all’ultima giornata, dove non sono mancati i brividi, con i “citizens” sotto di due gol a 20 minuti dalla fine contro l'Aston Villa, sono riusciti prima a pareggiare i conti e subito dopo a ribaltare e raggiungere di conseguenza il traguardo finale. Insomma, un altro anno da incorniciare che va ad arricchire la bacheca. Il prossimo anno il Manchester City, non può che cercare un'ulteriore conferma in campionato e migliorare il percorso in Champions League, dato che ha tutte le carte in regola per portare a casa la coppa più prestigiosa.

Per quanto riguarda il calcio giocato, oggi è attesa la finale di Champions League tra il Liverpool e il Real Madrid. La piattaforma di scommesse online bet365 quota il successo della squadra spagnola a 3.50, mentre la vittoria del Liverpool è data a 2.00. Il pareggio è indicato a 3.75.

Liverpool: Stagione molto positiva, nonostante il Liverpool non sia riuscito a diventare campione d'Inghilterra per un solo punto che lo ha separato dal Manchester City vincente. Il tecnico Jurgen klopp, fin da subito ha avuto problemi in rosa con alcuni infortuni, il più importante tra tutti Virgil Van Dijk, autentico pilastro e leader di una difesa fino a quel momento granitica. La sensazione generale era quella di un tecnico che aveva già dato tutto ai Reds, questo perché non avevano fatto i conti con il lavoro che stava facendo per ridare vigore al proprio team. È riuscito infatti a far ingranare la squadra, grazie ad alcuni nuovi principi di gioco, Iniziando una cavalcata verso il duello con la prima della classe, riuscendo a rosicchiare fino a 13 punti. Durante questo percorso, il Liverpool ha conquistato la coppa d'Inghilterra, la coppa di Lega Inglese, entrambe ai danni del Chelsea, ed oggi, si giocano il tutto per tutto in finale di Champions League contro il Real Madrid.

Articoli Correlati Premier League

Premier League: Leeds, ora serve la giusta programmazione

Premier League: Arsenal ancora fuori dalla Champions

Premier League: Attesi 90 minuti di passione per l’assegnazione del titolo

Premier League: Champions a rischio per l'Arsenal

Chelsea: Per il Chelsea, non un anno esaltante, nonostante sia riuscita a migliorarsi in termini di classifica rispetto allo scorso anno, quando chiuse al quarto posto e con 7 punti meno rispetto ai 74 conquistati in questo campionato.
Ovviamente il paragone non regge, poiché dall'arrivo del tecnico Thomas Tuchel nel novembre 2020, le cose sono andata a gonfie vele, arrivando in finale di Coppa nazionale (poi persa contro il Leicester) e di Champions League, vincendo per 1-0 contro il Manchester City, divenendo campioni d’Europa.
Quest'anno, c'è stato un buon avvio ma via via, si è perso troppo terreno, finendo a meno 19 dalla vetta. Male anche nelle coppe, eliminati in Champions League ai quarti di finale da un Real Madrid che oggi giocherà la finale contro il Liverpool, anche le Coppe nazionali non hanno dato gli esiti sperati, perdendo nelle due finali di Coppa nazionale contro il Liverpool. È stato insomma un anno da mettere subito alle spalle e iniziare a lavorare per la prossima stagione.

Tottenham: Avvio disastroso per il Tottenham sotto la guida di Nuno Espirito Santo, che dopo 10 gare, aveva racimolato solo 15 punti e la nona posizione in classifica. La svolta arriva con il nuovo incarico di allenatore affidato all'italiano Antonio Conte. Il tecnico ex Inter, fresco del titolo di campione d’Italia, non appena insediato, è riuscito a dare quella mentalità ad una squadra che sembrava persa nel vuoto, iniziando una risalita in cui pochi ci avrebbero scommesso. Complici anche alcune squadre che hanno letteralmente deluso, gli “spurs” sono stati abili a sfruttare queste defaillance e gara dopo gara, l'obiettivo prefissato, si è fatto sempre più vicino, fino a diventare realtà proprio negli ultimi incontri, conquistando la quarta posizione utile per la prossima partecipazione in Champions League.

Arsenal: I “Gunners” non sono riusciti a confermare la posizione utile per la Champions League, dopo aver giocato un anno in cui si erano visti grandi margini di miglioramento rispetto agli scorsi anni, sul più bello, sono venute a mancare le forze ad un gruppo che tanto bene aveva fatto.

Manchester Utd.: Una delle squadre che ha veramente deluso è il Manchester United. Squadra guidata inizialmente dal tecnico Solskjaer, che non ha raccolto buoni risultati, è poi passata sotto la guida del tecnico Rangnick con effetti peggiori, non dando mai l'impressione di essere un gruppo coeso né una squadra dentro il campo. Nonostante i nomi eccellenti come Cristiano Ronaldo, Rashford, Sancho e compagni, hanno condotto un campionato anonimo. Finita la stagione, i Reds hanno già pensato per la prossima guida, sarà Erik ten Hag a ricostruire l’ambiente e a far tornare il sereno a Manchester.

West Ham: Buonissima annata anche per gli “hammers” che disputeranno la prossima conference League. Dopo la rivelazione dello scorso anno, ci si aspettava una riconferma, che è avvenuta ottenendo anche un gradito risultato.

Scommesse Calcio